Giorgio Ghiotti

L’autore del mese

Giorgio Ghiotti (1994), vive tra Roma e Milano, dove studia e collabora con la casa editrice Bompiani. Ha esordito nella narrativa con la raccolta di racconti Dio giocava a pallone (Nottetempo 2013) e nella poesia con Estinzione dell’uomo bambino (Perrone 2015, prefazione di Vivian Lamarque). Ha inoltre pubblicato il romanzo Rondini per formiche (Nottetempo 2016) e il saggio narrativo Via degli Angeli (Bompiani 2016) con Angela Bubba. Il suo ultimo libro di poesie è La città che ti abita (Empirìa 2017, prefazione di Biancamaria Frabotta). Ha scritto di libri sulle pagine culturali dell’«Unità» e collabora con riviste e blog letterari quali «Nazione Indiana», «Nuovi Argomenti», «minima&moralia».

Vicolo dell’acciaio

Libro del mese

“Quando mio padre parla di se stesso dice sempre che il suo destino è segnato. Qui nel palazzo tutti muoiono di cancro ai polmoni. Il record della pista è nostro. Abbiamo in corpo, a famiglia, più benzene, polveri cancerogene, diossina, policarburi aromatici e gas saturi di non so nemmeno io che cosa…”

• SERVE ANCORA PARLARE DI ILVA •

Pubblicato da Fandango nel 2010, Vicolo dell’acciaio è un romanzo che ancora ha il compito di raccontare quel colosso siderurgico che permette allo stesso tempo lavoro e morte. L’Ilva è il cuore del libro, così come lo è per i tanti personaggi di Argentina che vivono nel condominio di via Calabria 75, a due passi dalla fabbrica. Sono persone veraci come la città: c’è il Generale che sa quando è meglio fare sciopero, il padre di Mino che vuole garantire un futuro diverso al figlio, Domenico Giungato che mangia ali di pellicano per farsi una foto. Romanzo fortemente impegnato, nato dalla rabbia e dal dolore, eppure sempre ironico e non di rado divertente; visione del mondo quasi verista, con cui inchioda i personaggi a un destino ineluttabile; scrittura in stato di grazia: un originale ed efficacissimo impasto di dialetto salentino e italiano letterario.

«Argentina sonda le piaghe del Sud. È un pifferaio magico»
SERGIO PENT

Eventi

Newsletter

Viviamo sui punti o sulle linee di intersezione di due o tre universi.

Leonardo Sinisgalli • Calcoli e fandonie.

Kafka combatte tuttora per noi, nel buio, contro i draghi, come fanno i santi

Franco Fortini • Capoversi su Kafka

Un mondo nasce e un mondo crolla

 Giuseppe Bufalari • La masseria