Giorgio Ghiotti

L’autore del mese

Giorgio Ghiotti (1994), vive tra Roma e Milano, dove studia e collabora con la casa editrice Bompiani. Ha esordito nella narrativa con la raccolta di racconti Dio giocava a pallone (Nottetempo 2013) e nella poesia con Estinzione dell’uomo bambino (Perrone 2015, prefazione di Vivian Lamarque). Ha inoltre pubblicato il romanzo Rondini per formiche (Nottetempo 2016) e il saggio narrativo Via degli Angeli (Bompiani 2016) con Angela Bubba. Il suo ultimo libro di poesie è La città che ti abita (Empirìa 2017, prefazione di Biancamaria Frabotta). Ha scritto di libri sulle pagine culturali dell’«Unità» e collabora con riviste e blog letterari quali «Nazione Indiana», «Nuovi Argomenti», «minima&moralia».

Taccuino industriale. Reportages 1945-1980

Libro del mese

«Le inchieste di Pomilio nel Sud (e in Sardegna) negli anni in cui tutto, dopo le novità del dopoguerra, tornava a cambiare e si aprivano al paese prospettive invero nuove di democrazia e di sviluppo, nella continuità con i grandi cambiamenti post-resistenziali, sono una sorpresa, anche per un lettore avvertito e che ben conosce i testi centrali o secondari che hanno affrontato la “questione meridionale”. Sono una sorpresa tanto più gradita quanto più attenta partecipe onesta, e mossa sempre da un sentimento di vicinanza, di interna e forte partecipazione a quanto andava cambiando e soprattutto a quanto doveva cambiare: quanto si poteva peraltro già intuire e cogliere girando e investigando le spinte ambigue e contraddittorie di uno sviluppo che, secondo la discutibile distinzione pasoliniana di pochi anni dopo, non sempre erano di progresso».

—Goffredo Fofi

«I testi che si radunano in questo libro coprono un arco cronologico di venticinque anni, a partire dal capitolo dedicato ai contadini del Fucino (uscito sulla rivista «Prospettive Meridionali» del 1955) fino all’ultimo, scritto in occasione del terremoto dell’Irpinia, avvenuto il 23 novembre 1980. […] Lo sguardo di Mario Pomilio non contiene elementi nostalgici per un mondo arcaico che lo sviluppo economico e tecnologico poteva e doveva mettere in crisi. Semmai rivela curiosità per le trasformazioni socio-economiche in atto, confermando un’attenzione all’uomo che è uno dei tratti fondamentali del Pomilio scrittore».

—Giuseppe Lupo

Eventi

Newsletter

Viviamo sui punti o sulle linee di intersezione di due o tre universi.

Leonardo Sinisgalli • Calcoli e fandonie.

Kafka combatte tuttora per noi, nel buio, contro i draghi, come fanno i santi

Franco Fortini • Capoversi su Kafka

Un mondo nasce e un mondo crolla

 Giuseppe Bufalari • La masseria